Studio Legale POZZATI Studio Legale POZZATI
 
separazione verona

Diritto della famiglia, separazione, divorzio e minori

La pluriennale esperienza nella delicata materia del diritto di famiglia e minorile permette allo Studio Legale Pozzati di fornire attività di consulenza e assistenza legale relativamente a tutte le problematiche concernenti il mondo della famiglia e degli affetti.

Il diritto di famiglia è la branca del diritto civile che si occupa della disciplina dei rapporti giuridici esistenti tra le persone che costituiscono la famiglia e segnatamente, delle relazioni di coniugio, di convivenza di fatto, di filiazione, di adozione, di parentela e di affinità. Dall’instaurazione di tali rapporti derivano dei diritti e dei doveri in capo a tutti membri della famiglia riconosciuti e tutelati dall’ordinamento.

divorzio verona famigliadivorzio mantenimento

In particolare, si ricorda che il matrimonio è l’atto che scaturisce dalla manifestazione di volontà spontaneamente e liberamente espressa dai due contraenti di sesso diverso e il cui effetto è la costituzione dello stato coniugale con la conseguente formazione di una comunione di vita spirituale e materiale tra i coniugi. Con tale atto prendono vita delle obbligazioni di carattere personale ma altresì di natura patrimoniale che si regolamenteranno diversamente a seconda che i contraenti abbiano optato per il regime di comunione o di separazione dei beni. Il matrimonio rappresenta dunque un atto giuridico regolato sia dal diritto civile sia dal diritto canonico (se contratto davanti alle Autorità Ecclesiastiche).

E’ fondamentale segnalare che prima di giungere al divorzio si deve affrontare un periodo transitorio di separazione personale dei coniugi che ha la durata di tre anni ed ha lo scopo di consentire un ripensamento e un’eventuale riconciliazione. Non ha alcun valore legale la separazione di fatto esistente tra i coniugi, ma non omologata dal Giudice a seguito di un procedimento.

Lo scioglimento ‘definitivo’ del matrimonio invece può avvenire con la morte di uno dei coniugi, con la dichiarazione di morte presunta oppure con il divorzio. Quest’ultimo è stato introdotto e regolamentato dalla Legge n° 898/1970 che prevede che l’Autorità Giudiziaria, una volta esperito inutilmente il tentativo di conciliazione e dopo che siano trascorsi i tre anni di separazione personale senza che vi sia stata riconciliazione, accerti la fine della comunione spirituale e materiale tra i coniugi con la modifica dello stato civile di entrambi e la conseguente possibilità di contrarre nuove nozze.

Sia nella fase della separazione sia in quella di divorzio è fondamentale l’intervento dell’avvocato che avrà l’onere di mediare tra i coniugi in un momento patologico del rapporto in cui la capacità di dialogo è spesso fortemente deteriorata e la tensione raggiunge apici elevati. In questa situazione dolorosa e di alta conflittualità, la presenza di un soggetto terzo e qualificato nel gestire il rapporto - sia da un punto di vista umano sia giuridico - sarà propedeutico al raggiungimento di una soluzione che tuteli in modo decoroso e corretto tutte le parti coinvolte (coniugi e figli).

Una separazione consensualmente concordata presenterà il grande pregio di evitare le lungaggini e la dispendiosità - in termini di risorse umane ed economiche - di un procedimento giudiziale giacché darà attuazione ad un accordo intercorso tra le parti seppur realizzato nel pieno rispetto della normativa vigente e dei bisogni di tutti i soggetti coinvolti sia quanto al profilo dei rapporti umani (affidamento dei figli, rapporto con entrambi i genitori) sia quanto ai rapporti patrimoniali (divisione di ogni bene e versamento di una eventuale somma a titolo di mantenimento o di alimenti per il coniuge economicamente più debole e/o per i figli).

Purtroppo non sempre è possibile divenire ad un accordo. Va da sé, che quando le manifestazioni conflittuali saranno così gravi e i rapporti a tal punto compromessi da essere impossibile un dialogo o ancora si riscontrino gravi pregiudizi nei confronti di un coniuge o della prole, sarà necessario procedere con la presentazione di un ricorso per separazione giudiziale rivolgendo direttamente al Giudice le proprie richieste.

Ricorrendone le condizioni, i coniugi posso altresì ottenere la dichiarazione di nullità del matrimonio davanti alla giurisdizione ecclesiastica (Sacra Rota).

Il diritto di famiglia si occupa inoltre della tutela dei minori in generale, compresi i figli naturali, ossia i figli nati da genitori non coniugati. Quando all'interno della famiglia, sia essa legittima o di fatto, sorgono determinate problematiche che possono portare ad esempio alla necessità o opportunità di imporre limitazioni o restrizioni alla potestà di uno o di entrambi i genitori, interviene un organo giurisdizionale particolare, il Tribunale dei Minori, competente peraltro anche per la materia delle adozioni nonché per la regolamentazione delle condizioni di affidamento dei figli in caso di genitori conviventi non coniugati.

Da ultimo, lo Studio ha sviluppato negli ultimi anni particolare attenzione alle problematiche più attuali e crescenti in merito al diritto inerente alle famiglie composte da un membro di nazionalità straniera e pertanto con particolare riferimento alle problematiche relative al diritto privato internazionale.

A titolo esemplificativo, ma non esaustivo si citano quali problematiche afferenti al diritto di famiglia:
- separazione;          
- divorzio;    
- cessazione della convivenza di fatto (more uxorio);            
- questioni concernenti l’accertamento del rapporto di filiazione, sia legittima sia naturale;
- disconoscimento di paternità;       
- riconoscimento del figlio naturale;           
- dichiarazione giudiziale di paternità e di maternità;                  
- legittimazione dei figli naturali;                   
- affidamento familiare e le adozioni;                
- reclamo legittimità;           
- contestazione legittimità;                     
- adozione di persone di minore età;        
- adozione di persone di maggiore età;   
- amministrazione di sostegno di soggetto da tutelare.

 

Studio Legale avv. Mary Pozzati
Tel 045 6101840
Fax 045 6105537
Mobile 348 7657923


E-mail mp@studiolegalepozzati.it

Corso Italia 16
37047 San Bonifacio (Verona)

Via Garibaldi 59
36045 Lonigo (Vicenza)

Iscrizione all’Ordine degli Avvocati di Verona al n. 25/03
P.iva 03280900238